3.6.14

Arrosto di seitan alle erbe






Potrebbe essermi venuta l'insana la sana idea di tormentarvi con il seitan...
stavolta vi propongo la versione arrosto con un bel contorno di verdurine,
naturalmente le verdure possono variare ai base al gusto personale.
Provatelo, vedrete che riuscirete a fregare anche gli onnivori più accaniti!!!
Buona giornata!!

Ingredienti per la marinatura:
1 rametto di rosmarino tritato
2 foglie di salvia tritata
1 spicchio d'aglio tritato
1 foglia di alloro
2 cucchiai di salsa di soia
olio di oliva
sale e pepe

Ingredienti per il ripieno dell'arrosto:
1 rametto di rosmarino tritato
2 foglie di salvia tritata
1 spicchio d'aglio tritato
sale e pepe

Verdure di contorno:
1 spicchio d'aglio
1 cipolla tritata
2 carote a pezzetti
olio extravergine di oliva
brodo di verdure
    Si procede così:
    Preparate il seitan. Dopo averlo risciacquato per eliminare l'amido appiattitelo leggermente e mettetelo in un recipiente non troppo profondo dove avrete unito tutto gli ingredienti per la marinatura, rivoltatelo un paio di volte e mettetelo a riposare coperto per circa 4-5 ore girandolo ogni tanto.
    Nel frattempo preparate il brodo vegetale aggiungendo alla ricetta anche della salvia, rosmarino e alloro.


    Trascorso il tempo necessario per la marinatura scolatelo, appiattitelo leggermente e cospargetelo con le erbe e l'aglio tritati, ricordatevi di salarlo.



    Arrotolatelo e procedete a legarlo con uno spago da cucina, io fatto un po' di fatica a legare questo blob informe che mi scivolava da tutte le parti...


    Dopo averlo legato alla belle meglio l'ho arrotolato ulteriormente in un telo da cucina (non ho la foto, vi metto quella dell'altro post)


    e immerso nel brodo bollente in cui ho versato anche la marinatura.
    In alcune ricette ho visto che si procede alla cottura nel brodo senza averlo avvolto nel telo, ma sinceramente io ho provata già un paio di volte e il risultato e stato che si è sformato tutto, bolle che uscivano da tutte le parti, in pratica una cosa inguardabile...certo la cottura senza il telo sarebbe migliore il rotolo si insaporisce meglio, quindi io ho pensato bene di fare una prima mezz'ora di cottura con il telo e poi quando il rotolo ha preso consistenza e non c'è più pericolo che si sformi l'ho estratto delicatamente, ho eliminato il canovaccio, rimesso in pentola e proseguito la cottura per altri 20 minuti.


    Ora si procede con la rosolatura dell'arrosto, altrimenti che arrosto è senza la sua bella crosticina?
    In una pentola versate un filo d'olio, 1 spicchio d'aglio e un po' di brodo, scaldate e adagiatevi il rotolo.
    Molto importante che la rosolatura avvenga a fuoco basso, la cosa impiegherà molto tempo, anche 20 minuti, girando l'arrosto fino a quando sarà tutto colorato. Resistete alla tentazione di alzare la fiamma come si fa in genere per rosolare la carne, il risultato sarebbe che la crosta  rimane tutta attaccata alla pentola.


    Dopo tanta pazienza il risultato dovrebbe essere più o meno questo. Fatelo raffreddare avvolto in un foglio di alluminio, slegatelo e poi tagliatelo a fette.


    Ora prepariamo le verdurine di contorno: in un tegame versare un po' d'olio e scaldare, unire le cipolle, le carote e far insaporire. Aggiungere un po' di brodo e proseguire la cottura fino a quando le carote non saranno tenere.
    Unire le fette di arrosto e farle insaporire da tutte le parti.
    Spegnere e servire l'arrosto con le sue verdurine  accompagnate con delle patate al forno (le mie non erano ancora cotte).





    Nessun commento:

    Posta un commento

    Un grazie a tutti voi che avete dedicato un po' del vostro tempo al mio blog.
    Barbara