26.6.16

Finta frittata con farina di ceci e aquafaba



Una finta frittata incredibilmente soffice e spumosa si ottiene aggiungendo alla classica pastella con farina di ceci, l'aquafaba, il liquido di governo dei legumi in barattolo oppure il liquido della cottura casalinga dei legumi, in questo caso però deve essere bello denso.
Io l'ho arricchita con dei fiori di zucchine ripieni ma potete usare le verdue che più vi piacciono.


Ingredienti:

  • 100 g di farina di ceci
  • 70 ml di acqua
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • sale e pepe
  • parmigiano veg
  • liquido di governo di un barattolo di ceci o di fagioli
  • verdure a scelta
Preparate la pastella unendo la farina di ceci, il parmigiano veg, sale e pepe. Versate l'acqua mescolando bene per sciogliere i grumi, tenetela abbastanza densa tanto poi si fluidificherà quando andremo ad aggiungere i finti albumi montati.
Montate a neve ferma l'aquafaba, prendete 3 cucchiai del composto e aggiungetelo alla pastella, un cucchiaio alla volta, lentamente e con movimenti dall'alto verso il basso, incorporando aria.
Scaldate una padella antiaderente con un filo d’olio, versate le verdure a pezzetti (cipolle, zucchine, pomodorini, peperoni ecc.., nel mio caso fiori di zucchine ripieni e pomodorini) e cuocete 10 minuti o fino a quando si saranno ammorbidite.
Versate delicatamente la pastella, muovete un po' la padella in modo che si distribuisca bene, abbassate al minimo il gas e coprite con un coperchio. 
Dopo 7-8 minuti, fate scivolare delicatamente la frittata sul coperchio e poi di nuovo in padella dall'altro lato e cuocete ancora qualche altro minuto.
La mia si è un po' rotta durante questa operazione perciò vi consiglio molta delicatezza.




25.6.16

Fiori di zucca ripieni




Sfogliando un vecchio ricettario in cerca di idee per cucinare i fiori di zucca, che non fossero i soliti fritti, ho trovato una ricetta che poteva fare al caso mio.
Qualche piccola modifica, via l'uovo dall'impasto, via il parmigiano (sostituito egregiamente dal vegparmigiano) e voilà, assolutamente da rifare!!
Buon fine settimana!


Ingredienti:
  • 20 fiori di zucca
  • 150 g di zucchine
  • 100 g di fagiolini
  • 2 cucchiai di capperi sotto sale
  • 1 papate media a pasta bianca
  • 50 g di parmigiano veg
  • 200 g di pomodorini
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 manciata di foglie di basilico
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale e pepe
La ricetta:
Lavate accuratamente i fagiolini e spuntateli, pulite le zucchine, tagliate le estremità e lessate le verdure per 7-8 minuti in poca acqua.
Lessate le patata per 30 minuti, pelatela e passatela allo schiacciapatate.
Mettete le zucchine e i fagiolini nel mixer e frullatele, 
Sciacquate a lungo i capperi sotto il getto dell'acqua corrente, tritateli e amalgamateli con le verdure lessate, la patata, il parmigiano veg, sale e pepe.
Eliminate i pistilli interni dei fiori di zucca avendo cura di non rompere la base e lavateli molto delicatamente.
Ripiegate verso l'esterno la sommità della corolla, riempite con il composto preparato aiutandovi con un cucchiaino, rigirate la punta dei petali e arrotolatela. rimarranno perfettamante sigillati.
Fate imbiondire l'aglio nell'olio extravergine di oliva, aggiungete i pomodorini tagliati a metà e fateli cuocere per 10 minuti.
Salate, adagiatevi i fiori di zucca, spolverizzate con il basilico spezzettato e cuocete per 10 minuti mescolando ogni tanto ma sempre molto delicatamente.



23.6.16

Minestrone freddo estivo



Un minestrone da gustare tiepido o freddo (da un vecchio ricettario di mamma) che regala il meglio di sé proprio a giugno-luglio, con fagioli, fagiolini, zucchine e pomodori freschi.
Una bontà!!


Ingredienti:
  • 350 g di patate sbucciate
  • 200 g di carote
  • 150 g di zucchine
  • 100 g di fagiolini
  • 200 g di borlotti freschi sgusciati
  • 200 g di pomodori maturi
  • 1 grossa cipolla tritata finemente
  • 1 grossa costa di sedano a dadini
  • 100 ml di vino bianco
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 10 foglie di basilico
  • 250 g di riso per minestre
  • sale e pepe
Procedimento:
Sbollentate i pomodori in acqua bollente per 30 secondi, estraeteli con un mestolo forato, privateli della buccia e tritateli grossolanamente.
Saltate la cipolla e il sedano in una padella con l'olio finchè si saranno ammorbiditi.
Sfumate con il vino.
Unite le verdure tagliate a pezzetti, i fagioli e 1,5 l di acqua e portate a ebollizione.
Coprite parzialmente la pentola e fate cuocere per 1 ora e 30 minuti circa.
A parte lessate il riso in acqua bollente salata per il tempo indicato sulla confezione.
Scolatelo e lasciatelo raffreddare.
Tritate finemente il prezzemolo, l'aglio e il basilico.
Unite il riso e le erbe aromatiche al minestrone.
Mescolate, aggiustate di sale e pepe e versate in una zuppiera o nei piatti individuali.
Servite freddo o tiepido, a piacere spolverizzate con parmigiano veg.



20.6.16

Vegan cherry pie (torta di ciliegie)



Finalmente le ciliegie!! E qual'è la torta che esalta al meglio questo frutto dolce e succoso? Ma la torta di ciliegie americana naturalmente!!! Io ho una vera passione per questo tipo di torte; non resisto alla vista di quella fetta ripiena di frutta con quel delizioso sciroppetto che cola da tutte le parti, per me non esiste torta più buona.
Felice serata!!


Ingredienti per la pasta brisée:
  • 350 grammi di farina
  • 1 cucchiaino di sale
  • 30 grammi di zucchero semolato
  • 180 grammi di margarina fredda ridotta a cubetti di 2,5 cm. o vegan burro all'olio di cocco
  • da 60 a 120 ml di acqua ghiacciata (aggiungete dei cubetti di ghiaccio nel bicchiere)

Ingredienti per il ripieno di ciliege:
  • 1 kg di ciliegie snocciolate (dovrete acquistare circa 1,2 kg di ciliegie)
  • 150 g di zucchero di canna
  • 30 g di amido di mais
  • la punta di un cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • qualche goccia di estratto di vaniglia
  • qualche goccia di estratto di mandorla
  • 25 g di margarina tagliata a pezzetti  o vegan burro all'olio di cocco 

Ingredienti per spennellare la torta:
  • 2 cucchiai di panna veg
  • zucchero semolato
In un robot da cucina mettete la farina, il sale e lo zucchero; azionate il pulsante per pochi secondi fino a miscelare il tutto. 
Aggiungete la margarina e fate andare a impulsi fino a quando il composto assumerà l'aspetto di uno sfarinato (al massimo per 20 secondi).
Versate circa 60 ml di acqua attraverso l'apertura con il robot in funzione e fate andare fino a quando vedete che la pasta forma una palla attaccata alle lame, se necessario aggiungete anche la rimanente acqua. L'operazione non deve durare più di 30 secondo altrimenti l'impasto si scalderebbe troppo.
Versate la pasta su un piano di lavoro, unitela senza impastarla e formate 2 palline. Appiattitele  e compattate i bordi se tendono a frastagliarsi, copritele con pellicola e mettetele in frigo per almeno 1 ora a raffreddare.
Togliete una pallina di impasto dal frigo e stendetela su una superficie leggermente infarinata in un disco di circa 28 cm. Se è troppo fredda e tirandola si rompe fatela riposare 5 minuti a temperatura ambiente. Se mentre la stendete i bordi tendono a rompersi compattateli con le mani.
Arrotolatela delicatamente sul matterello e trasferitela in uno stampo da 24 cm. fatela aderire bene allo stampo senza tirarla, altrimenti in cottura si ritirerà. Rimettete in frigo coperta da pellicola.



Prendete l'altra pallina di impasto, stendetela in un disco di 30 cm e ritagliate con un cutter 12 strisce di 2,5 cm. Posizionatele delicatamente su un foglio di carta forno e mettete in frigo a raffreddare.
Intanto preriscaldate il forno a 200°C e preparate il ripieno di ciliege.
Snocciolate le ciliegie: se avete uno snocciolatore l'operazione sarà più semplice, altrimenti dovrete procedere a mano. Molto comodo è questo attrezzino: l'unico inconveniente è che qualche ciliegia passa ugualmente senza essere stata snocciolata, aperta ma con ancora il nocciolo attaccato, e perciò vi consiglio di controllarle appena uscite ed eventualmente eliminarlo il nocciolo a mano se non volete rischiare di rompervi un dente!!



Mettete le ciliegie in una ciotola, unite lo zucchero, l'amido di mais, il sale, il succo di limone, l'estratto di vaniglia e di mandorle. Mescolate bene e fate riposare 15 minuti.
Versate le ciliege nello stampo, distribuitele uniformemente e mettete qua e la i pezzettini di margarina(se la usate)
Togliete le strisce di pasta dal frigo e formate un reticolo. Sigillate i bordi ripiegando gli eccessi verso l'interno, pennellate con la panna e spolverizzate con lo zucchero.
Posizionate lo stampo sulla leccarda del forno e infornate nel terzo ripiano in basso. Cuocete per 15 minuti, poi abbassate la temperatura a 175°C e continuate la cottura per circa 30 minuti, coprendo i bordi con un anello di alluminio se tendono a colorire troppo.


Togliete la torta dal forno e fatela raffreddare bene prima di tagliarla. Servitela con della panna veg leggermente montata o del gelato.






Pasta e patate di casa mia

 


La pasta e patate non è un piatto tipico del Veneto ma anch'io ho la mia versione estrapolata dalle numerose ricette viste in rete.
La mia variante consiste nell'aggiunta di qualche patata arrostita, la cui golosa crosticina rende il piatto irresistibile.
Provatela se vi va, poi fatemi sapere.
Buona giornata!!!

Ingredienti:
  • 2 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 cipolla affettata finemente
  • 2 spicchi d'aglio tritati
  • un trito di rosmarino, salvia e prezzemolo
  • 100 ml di vino bianco
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 4 patate medie pelate e tagliate a cubotti
  • 600 ml di brodo vegetale
  • 150 g di pasta corta 
  • una manciata di parmigiano veg
  • peperoncino o pepe nero macinato fresco

Procedimento:
Preparate un brodo vegetale con una carota, una cipolla e una costa di sedano.
Versate l'olio extravergine di oliva in una pentola e aggiungete la cipolla, gli spicchi d'aglio e il trito di erbe tenendone da parte un cucchiaino che servirà per insaporire le patate arrostite.
Cuocete la cipolla a fuoco basso, a lungo, mescolando spesso e aggiungendo qualche cucchiaio di brodo vegetale finché non diventa quasi trasparente (circa 20 minuti).
Spruzzate con il vino e fate sfumare.
Unite il concentrato di pomodoro e mescolate bene.
Aggiungete le patate, mescolate a fate insaporire.
Unite il peperoncino e regolate di sale.
Coprite con brodo bollente unite il parmigiano veg e cuocete fuoco basso per circa 10 minuti.
Prelevate una parte di patate (circa una patata) con un mestolo forato.
Aggiungete la pasta corta alla minestra. e fate cuocere finché la pasta risulta cotta.
Nel frattempo trasferite le patate che avete tolto dalla pentola in una padella, con un cucchiai di olio, il rimanente trito di erbe e fatele saltare a fuoco vivace fino a quando prenderanno un bel colore dorato.
Quando la pasta e patate è cotta e il brodo si sarà assorbito quasi completamente, togliete dal fuoco, suddividete il porzioni, decorate con le patate arrostite, una spolverizzata di parmigiano veg e un po' di pepe macinato al momento.






19.6.16

Minestra di patate e fagioli



Un piatto un po' invernale, ma visto il tempo degli ultimi giorni ci sta tutto.
Buona domenica!!

Ingredienti:
  • 300 g di fagioli secchi (borlotti, dell'occhio)
  • 400 g di patate
  • 2 foglie di alloro
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 cipolla
  • 2 spicchi d'aglio
  • 1 gambo di sedano
  • 5 foglie di salvia
  • 1 manciata di prezzemolo tritato
  • sale e pepe 
  • brodo vegetale
  • parmigiano veg


Lasciare a bagno i fagioli per una notte insieme ad un pezzetto di alga Kombu. Se usate i fagioli dell'occhio l'ammollo non è necessario, sciacquateli bene e aggiungeteli alla minestra.
Tritate l'aglio, la cipolla, il sedano e la salvia e soffriggete il tutto nell'olio: dopo qualche minuto aggiungete il prezzemolo, pepate e fate insaporire per altri 5 minuti.
Scolate i fagioli, uniteli al soffritto e mescolate bene.
Coprite con un litro e mezzo di brodo vegetale e cuocete per due ore unendo le foglie di alloro.
Passata un'ora, pelate le patate e aggiungetele intere alla minestra.
Portate a termine la cottura, togliete le patate, schiacciatele e rimettetele nella minestra.
Amalgamate bene e servite la minestra di patate e fagioli ben calda, eventualmente spolverizzata di abbondante parmigiano veg e un filo d'olio.



18.6.16

Spaghetti ai pomodorini scoppiati con peperoni



Una ricetta che avevo già pubblicato, la potete trovare qui. Questa volta ho aggiunto anche un piccolo peperone verde che stazionava in frigo. Ottimi!!
Buon pranzo!!!


Ingredienti:

  • 100 ml di olio extravergine di oliva
  • 2 spicchi d'aglio tritati
  • 1,5 kg di pomodorini 
  • 1 piccolo peperone con polpa sottile
  • 1 peperoncino secco sbriciolato
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico
  • 3-4 cucchiaini di basilico spezzettato con le mani
  • sale e pepe

Scaldate l'olio in una padella e aggiungete l'aglio, fate questa operazione a fuoco dolce per evitare di bruciare l'aglio.
Cuocete per 2-3 minuti e poi aggiungete i pomodorini interi e il peperone tagliato a pezzetti.
Proseguite la cottura a pentola coperta per 10-15 minuti fino a quando i pomodorini saranno teneri e inizieranno a scoppiare.
Schiacciateli leggermente con una forchetta per far uscire i liquidi di cottura, non dovete fare una purea devono rimanere pezzi grossi di pomodoro.
Aggiungete l'aceto, il peperoncino, il basilico e il sale.
Cuocete per altri 5-10 minuti fino ad ottenere la consistenza desiderata, non fate cuocere tanto deve rimanere del liquido in padella.
Togliete la metà del sugo con un mestolo e tenetelo da parte al caldo.
Nel frattempo avrete cotto gli spaghetti al dente in acqua bollente salata, scolateli e versateli nella padella dei pomodorini.
Mescolate bene e suddividete nei piatti di portata versando su ognuno un po' di sugo tenuto da parte.



16.6.16

Pasta e fagioli con cicoria catalogna




Uno tra i piatti più conosciuti al mondo, ogni regione e ogni famiglia ha la sua ricetta.
Personalmente io amo la pasta e fagioli alla veronese, ma ogni tanto mi piace provare e sperimentare nuove ricette.
Buon pranzo!!

Ingredienti per la pasta:
  • 400 g di farina per pasta o semola rimacinata
  • acqua tiepida quanto basta (circa 150 ml)
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaio di olio
  • 1 cucchiaino di curcuma (facoltativo, serve solo per dare colore)
Setacciate la farina con la curcuma, aggiungete il sale, l'olio, impastate il tutto aggiungendo un po' alla volta l'acqua, fino a formare un bel panetto sodo, liscio e compatto.
Fate riposare 30 minuti e poi tirate la pasta per ricavare delle lasagne e successivamente con la rotellina ricavate le pappardelle.


Ingredienti per il sugo:
  • 300 g di fagioli secchi
  • 1 cipolla
  • 2 spicchio d’aglio
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 pomodori maturi e sugosi
  • 250 g di cicoria catalogna
  • peperoncino in polvere
  • un mazzetto di prezzemolo
  • olio extravergine di oliva
  • parmigiano veg

Lasciate i fagioli a bagno per 24 ore, scolateli risciacquateli e cuoceteli in acqua con un pezzetto di alga Kombu fino a quando saranno morbidi.

Tritate l’aglio, la cipolla e il rosmarino e fateli soffriggere in 3 cucchiai di olio.
Unite i pomodori tagliati a cubetti, fate insaporire e aggiungete i fagioli lessati e qualche cucchiaio della loro acqua di cottura.
Salate, unite il peperoncino e proseguite la cottura per 15 minuti.

In un altro tegame mettete 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, 1 spicchio d'aglio tritato e la cicoria tagliata a pezzetti.
Fate cuocere fino a quando sarà appassita.
Se non amate molto il sapore amarognolo della cicoria sbollentatela qualche minuto e poi ripassatela in padella.
Salate, pepate e aggiungete il prezzemolo.

Cuocete le pappardelle in acqua bollente salata, scolatele molto al dente e versatele nella pentola dei fagioli.
Amalgamate bene, aggiungete la cicoria, mescolate ancora e servite.
A piacere spolverate con veg parmigiano.






14.6.16

Estratti di verdura e frutta




Pranzo leggero con un litro di estratto composto da: 3 coste di sedano, 1 cetriolo, 1 patata piccola, un pezzetto di zenzero, 3 carote, 2 mele.
Vi lascio qualche idea per sani estratti o centrifugati di frutta e verdura, tratto dal blog di Valdo Vaccaro.
Buon pranzo e buona lettura!!!



RICETTARIO PER CENTRIFUGA O ESTRATTORE (tutti i succhi vanno intesi da prodotto fresco e sono da bersi all’istante)

SI RACCOMANDA DI: A) bere il succo all’istante e non tentare conservazioni problematiche. L’aggiunta di mezza radichetta di zenzero rende la bevanda piccante, l’aggiunta di mezza foglia di aloe rende il tutto amaro e ripulente, l'aggiunta di una manciata di germogli rende la bevanda rinforzante.

- Base valida per tutti i centrifugati: 3 carote, 1 mela, 1 gamba di sedano.
- Succo anti-stitichezza: 3 carote, 1 mela, 1 gamba di sedano, una patata cruda media.
- Succo anti-ossidante per eccellenza: 3 carote, 1 kiwi, 2 arance.
- Succo anti-colesterolo: 1 carciofo, 1 manciata germogli di soia, 100 grammi di cicoria, 100 grammi di fagiolini, un limone, 2 carote.
- Succo anti-ritenzione idrica: 2 fette ananas, 1 finocchio, 2-3 gambi di sedano, indivia o tarassaco e poche foglie di menta.
- Succo anti-diabetico: 2 carote, 1 mela, 2 gambe di sedano, 2 radici di topinambur, 10 lupini in salamoia.
- Succo anti-disidratazione: 2 pomodori, 1 gambo sedano, 1 bietola, 1 cetriolo, 3 foglie cavolo.
- Succo per il rinforzo capelli: 3 carote, 1 mela, 3 manciate di ortiche, 1 radichetta di zenzero, uno scalogno.
- Succo anti-anemico: 3 carote, 1 fetta ananas, 1 gamba sedano, manciata germogli alfa-alfa, manciata crescione, manciata farinaccio (punte) oppure spinaci.
- Succo per i disordini di stomaco: carote, pomodori, sedani, patata cruda, oppure succo di mela e limone.
- Succo per il catarro gastrico e le ulcere allo stomaco e all’intestino: succo di cavolo puro (contiene vitamina U, antiulcera, in misura maggiore del sedano e di tutti i vegetali crudi a foglia scura), oppure succo di mirtillo.
- Succo per disinfiammare fegato e cistifellea: succo d’uva, succo di carota e bietola, più manciata di tarassaco e alcuni ravanelli radici e foglie (o rucola, o zenzero).
- Succo per dissolvere i calcoli alla cistifellea: succo di limone, o succo di arancia, o succo di pompelmo.
- Succo per il gas intestinale: alla base di carota, sedano, bietola, aggiungere foglie o spicchio di aglio, oppure di
cipolla (minor effetto), oppure di porro (minor effetto), e qualche seme di finocchio, oppure 2 kiwi, 1 finocchio, 1 carciofo o foglie di cardo, 1 cespo radicchio rosso e 1 mela.
- Succo antireumatico ed antiartritico: carota, bietola, prezzemolo, sedano, patata, alfa-alfa. Succhi di agrumi anche, ma da usarsi in modo progressivo (inizialmente fastidiosi ma alla lunga guarenti per la loro vitamina C).
- Succo antiobesità: succo d’uva, succo di agrumi, oppure succo di sedano, crescione, prezzemolo, patata dolce e topinambur.
- Succo anti-dialisi renale: carota, sedano, ravanelli e foglie, crescione, mezza manciata foglie di betulla.
- Succo antiprostatite: succo di zucca.
- Succo antidermatite: succo di uva ribes nera, succo di uva nera, succo di cetrioli, succo di carole, bietole e spinaci.
- Succo anti-nervosismo ed anti-insonnia: mele, carote, arancia con buccia e sedano.
- Succo anti-alitosi: prezzemolo, spinaci, crescione, borragine, alfa-alfa, foglie di bietiola, aggiunte in mix o una per una alla solita base di carote e sedani.
- Succo anti-asma: carota e bietole rosse, più limone, borragine, ravanello e aglio.
- Succo anti-enfisema polmonare: carote, rape, pastinaca, crescione e patate.
- Succo anti-edema (disinfiammante e anti-gonfiori): pere, tarassaco, piantaggine, acetosa.
- Succo contro l’alta pressione: succo di agrumi, succo d’uva, succo di carote, spinaci, borragine, cipolla, aglio, porro, foglie e bacche di biancospino.
- Succo contro la bassa pressione: succo d’uva, sedano, ananas, ravanello nero, carota, bietola, foglie e bacche di biancospino.
- Succo anti-tonsillite e anti-influenzale: uva ribes, limone, arancia, ananas, lampone, rape, carota, pomodoro, peperoni verdi, crescione, zenzero, e piccole dosi di cipolla e aglio.

ZUPPE CRUDE TIPO GAZPACHO
Grazie alla centrifuga si possono anche fare delle ottime minestre crude:
- Zuppa al cavolfiore: 1 cavolfiore (precotto 5 minuti al vapore), 1 avocado, 1 bicchier d’acqua, 1 bicchiere di germogli alfa-alfa, 4 foglie basilico, cucchiaio d’olio d’oliva EV.
- Zuppa di pomodori (2), avocado (1), olio EV e basilico.
- Zuppa di cetrioli (2), pomodori (2), avocado (2), mezzo bicchiere di crescione, olio EV.

La tesina completa la trovate al link sotto:
L'ARTE DEL MANGIARE SEMPLICE E SANO (Conferenza Roma)

11.6.16

Zuppa speziata di fagioli e limone



Una zuppa calda e gustosa, ottima in ogni momento dell'anno.
In inverno si possono usare i pomodori pelati in sostituzione di quelli freschi e se volete variare usate i ceci al posto dei fagioli.
Buon sabato!!

Ingredienti:
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 cipolla tritata 
  • 2 spicchi d'aglio schiacciati
  • 2 cucchiaini di cumino in polvere
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1/4 cucchiaino di zenzero in polvere
  • 450 g di fagioli borlotti lessati
  • 450 g di pomodori maturi, pelati e tagliati a pezzetti
  • 1 litro di brodo vegetale
  • 2 cucchiai di prezzemolo fresco tritato
  • il succo di mezzo limone piccolo
  • sale e pepe
Procedimento:
Scaldate l'olio e aggiungete la cipolla, l'aglio e fate sfriggere a fuoco lento per 4 minuti.
Unite il cumino, la cannella e lo zenzero.
Aggiungete metà dei fagioli, i pomodori e 800 ml di brodo.
Portate a ebollizione e fate bollire per circa 5 minuti.
Frullate i fagioli rimasti con i 200 ml di brodo rimanente, fino ad ottenere una purea omogenea.
Unitela alla zuppa, aggiungete il prezzemolo e il succo di limone.
Regolate di sale e pepe e servite.








10.6.16

Vegan caramel apple pie


Ogni tanto si risveglia in me la voglia di dolce, sempre più raramente però, e quando mi succede cerco di assecondarla.
I dolci con le mele sono quelli che prediligo e tra tutti l'apple pie, ma quella che vi propongo oggi è il non plus ultra delle apple pie, la "Caramel apple pie", naturalmente in versione riveduta vegan. 
Una fettina di questa torta soddisfa la mia voglia di dolce, quello che rimane è stato spazzolato tutto 
dal resto della famiglia.
Buona serata!!!


Per la crosta:
  • 400 g di farina
  • 150 g di burro all'olio di cocco o margarina veg
  • mezzo cucchiaino di sale
  • un cucchiaino di zucchero
  • qualche cucchiaio di acqua freddissima (circa 8-10)

Togliete la margarina dal frigo 15 minuti prima di preparare l'impasto, a meno che non faccia troppo caldo. Setacciate la farina con il sale e lo zucchero: questo passaggio serve a far respirare meglio l'impasto e a renderlo croccante e leggero.
Aggiungete la margarina tagliata a pezzettini e incorporatela alla farina usando la punta delle dita sollevando e lasciando cadere nella terrina, fino a quando l'impasto non avrà assunto l'aspetto di tante molliche.
Aggiungete 2-3 cucchiai di acqua e incorporatela con un coltello a lama piatta, tagliando l'impasto più che mescolarlo, facendo ruotare la terrina.
Il composto assumerà un'aspetto granuloso, unite qualche altro cucchiaio di acqua, sempre tagliando l'impasto e valutate la consistenza tenendone un pezzetto tra le dita, se non rimane compatto dovete aggiungere un po' d'acqua, facendo in modo però che non risulti eccessivamente umido altrimenti una volta cotto diventerà appiccicoso e si ridurrà di volume, se invece l'impasto è troppo secco si sgretolerà al momento di essere steso; si tratta di trovare la giusta proporzione di acqua, che varia in base all'assorbimento della farina.
Quando l'impasto avrà raggiunto la giusta consistenza formate una palla senza lavorarla, solo pressandola.
Dividetela in due parti, una un po' più grande dell'altra, avvolgetele nella pellicola e mettetele in frigo per 20-30 minuti (in estate almeno 30 minuti). Non saltare questo passaggio perché serve a stendere meglio l'impasto ed evitare o limitare che si riduca di volume una volta infornato.
Stendete il primo disco con il matterello e ricoprite uno stampo 22-24, questo tipo di torte andrebbero servite direttamente nello stampo, per questo se ne avete uno carino in pirex o ceramica sarebbe meglio.
Dal secondo disco ritagliare 10-12 strisce che andranno a formare il reticolo.
Rimettere lo stampo e il reticolo in frigo fino al momento dell'assemblaggio della torta.





Poi serviranno:
  • 5-6 grosse mele (io Golden delicius)
  • 100 g di zucchero di canna
  • 100 g di zucchero semolato
  • 80 g di burro all'olio di cocco o margarina veg
  • 60 ml di acqua
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiai di amido di mais

Affettate le mele con la buccia abbastanza sottili.
Preriscaldate il forno a 215 °C e posizionate la griglia nel ripiano centrale.
Mettete gli zuccheri mescolati con l'amido di mais in una casseruola, aggiungete la margarina, il sale, la cannella, e l'acqua, ponete su fuoco medio e portare a ebollizione.
Quando avrà raggiunto il bollore e gli ingredienti saranno perfettamente amalgamati, spegnete il fuoco e mettete da parte.
Riprendete i due dischi di pasta dal frigo, sistemate le mele nello stampo, ricoprite la torta con le strisce intrecciandole come in foto, e sigillate i bordi della torta. Lavorate abbastanza velocemente per non scaldare troppo i grassi dell'impasto.
Con un cucchiaio versate il caramello uniformemente su tutta la superficie della torta, compreso il reticolo, evitando i bordi.







Mettete un foglio di alluminio sul fondo del forno che raccolga le eventuali colature dello sciroppo e infornate a 215°C per 15 minuti, poi abbassate a 175°C e continuate la cottura per 30-40 minuti.
Se la superficie diventa troppo scura copritela con un foglio di carta forno.
Fate raffreddare qualche ora e servite con panna veg leggermente montata o un pallina di gelato veg.




9.6.16

Vegan plum cake con mele e mandorle



Una rivisitazione vegan della torta di mele all'antica.
Se riuscite a resistere gustatela il giorno dopo, migliorerà con il tempo.
Buon pomeriggio!!


Ingredienti:

  • 4 mele
  • 250 g di farina semintegrale
  • 30-40 g di mandorle macinate
  • 1-2 manciate di uvetta ammollata in acqua tiepida (facoltativo)
  • 80 ml di olio di semi di mais
  • 150 g di zucchero di canna integrale
  • 3 cucchiaini di lievito
  • 200 ml di latte di soia
  • il succo e la buccia di un limone non trattato
  • granella di zucchero
  • sale


Ungete con una noce di margarina uno stampo da plum cake da 21 cm.
Sbucciate le mele, tagliatene due a pezzetti e le altre due a fettine e spruzzatele con il succo di limone.
Amalgamate l'olio con lo zucchero usando le fruste.
Unite la buccia grattugiata del limone e poco alla volta, la farina setacciata con il lievito e il sale, le mandorle e l'uvetta, (se la usate), alternando con il latte di soia.
Se l'impasto vi sembra troppo denso ammorbiditelo un po' aggiungendo qualche altro cucchiaio di latte.
Versate il composto nello stampo e affondatevi i tocchetti di mele.
Sistemate sul plum cake le fettine di mele e premete leggermente' facendo salire un po' di impasto in superficie.
Se volete potete spennellare le mele con un cucchiaio di margarina fusa e completare con una bella spolverata di granella di zucchero..
Cuocete a 180°C per circa 50-60 minuti.
Fate prova stecchino dopo 50 minuti.



Avena e ceci con verdurine





Ingredienti:
  • 300 g di avena decorticata
  • 250 g di ceci lessati
  • 1 piccola carota tagliata e pezzettini
  • 1 costa di sedano tagliata a pezzettini
  • 1 cipolla tritata
  • 1 spicchio d'aglio tritato
  • 2 piccole zucchine tagliate in quattro per il lungo e ridotte a pezzetini
  • 100 g di piselli freschi o surgelati
  • 2 pomodori tagliati a pezzetti
  • 100 ml di vino bianco
  • sale e peperoncino
  • prezzemolo tritato
Procedimento:

Sciacquate e lessate l'avena con il procedimento descritto sulla confezione.
In un tegame mettete un po' di olio extravergine di oliva unite la cipolla, il sedano, la carota, l'aglio e fate appassire il tutto per cinque minuti.
Sfumate con il vino, aggiungete i piselli, i pomodori, il peperoncino e qualche 200 ml circa di acqua di cottura dei ceci.
Dopo dieci minuti aggiungete le zucchine e proseguite la cottura per altri dieci minuti, le zucchine e i piselli devono risultare teneri ma non sfatti.
Aggiungete il prezzemolo e regolate di sale.
Unite l'avena al condimento e completate con un filo di olio e una spolverata di parmigiano veg.