30.1.16

VEGAN FRITTELLE DI MELE E UVETTA



Un dolce classico che a Carnevale non può mancare: le frittelle di mele con uvetta e grappa.

Gli ingredienti:

  • 400 g di farina bianca
  • 1/2 bustina di lievito in polvere
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 300-350 ml di latte di soia
  • 160 g di zucchero
  • scorza grattugiata di 1 limone
  • 2 cucchiai di succo d'arancia
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 2 cucchiai di grappa o Marsala o rum
  • 90 g di uvetta sultanina
  • 500 g di mele (circa 3 medie)
  • abbondante olio di oliva per friggere
  • pizzico di sale
  • zucchero a velo o semolato


Il procedimento:
Setacciate la farina, il lievito, il bicarbonato e il sale.
Ammollate l'uvetta in acqua tiepida, poi scolatela e asciugatela.
Tagliate le mele a cubetti e successivamente tritatele grossolanamente.
In una ciotola mettete lo zucchero, aggiungete la scorza di limone, il succo degli agrumi e il rum.
Versate gradualmente il latte e aggiungete un po' alla volta la farina mescolando bene.
Unite ora le mele e l'uvetta amalgamando bene.
Portate l'olio ad alta temperatura in una padella profonda, prelevate un cucchiaio scarso di pastella, fatelo cadere nell'olio e friggete le frittelle fino a quando si presenteranno croccanti e dorate.
Scolatele brevemente su carta da cucina e passatele subito nello zucchero semolato oppure spolverizzatele con zucchero a velo.





29.1.16

VEGAN RAGU' BIANCO DI SOIA




La versione bianca di questo ragù.
La ricetta è frutto di numerosi tentativi all'inizio abbastanza deludenti, ma ora credo di aver ottenuto un ottimo ragù bianco di soia, non ci crederete ma io l'ho trovato anche più buono della versione rossa!
Vi lascio la ricetta con la raccomandazione di seguire il procedimento senza saltare nessun passaggio, ciò è molto importante.
Felice fine settimana!!!


INGREDIENTI:
  • Brodo vegetale salato
  • 150 g di bocconcini di soia 
  • 5 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 spicchio d'aglio schiacciato
  • 2 foglie di salvia
  • un rametto di rosmarino 


Un battuto preparato con:
  • 1 piccola carota
  • 1 scalogno
  • 1 piccola costa di sedano (facoltativa)
  • 1 spicchio d'aglio


Poi serviranno:
  • 50 ml di vino bianco secco 
  • 50 ml di brandy secco o Calvados (io ho usato brandy)
  • 50 ml di latte di soia
  • 20 foglie di basilico 
  • un ciuffo di prezzemolo tritato
  • brodo vegetale qb
  • 1 cucchiaio di latte di soia + 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale e pepe macinato al momento


Portate a bollore il brodo vegetale e gettatevi i bocconcini di soia. 
Fate bollire 3 minuti e poi spegnete il fuoco.
Sgocciolate i bocconcini senza pressarli troppo, se rimangono un po' umidi è meglio.
Tritateli o passateli in un robot da cucina fino ad ottenere una consistenza simile al macinato.
Mettete 2 cucchiai di olio, l'aglio schiacciato, la salvia, il rosmarino e il macinato di soia in un largo tegame, aggiungete qualche cucchiaio di brodo vegetale e fate saltare per circa 10 minuti mescolando con un cucchiaio di legno, fino a quando il brodo sarà stato assorbito dalla soia.
Nel frattempo preparare il battuto con le verdure.
Togliete il macinato di soia dal tegame e tenetelo da parte al caldo, eliminate la salvia e il rosmarino.
Nel fondo di rosolatura della soia aggiungete l'olio rimasto e il battuto, mescolate e lasciate cuocere per 5 minuti.
Bagnate il battuto con il vino e fate cuocere altri 10 minuti.
Rimettete la soia nel tegame, unite il brandy e lasciate sfumare.
Aggiungete il latte a fate sobbollire per 1 minuto.
Unite il brodo vegetale quanto basta a coprire a coprire il fondo del tegame, assaggiate per regolare il sale (moderatamente perché il brodo è già salato) e pepate.
Regolate la fiamma medio-bassa e far cuocere per circa 20 minuti.
Ogni tanto mescolate il ragù, se asciuga troppo aggiungete qualche cucchiaio di brodo bollente.
5 minuti prima di spegnere il fuoco aggiungete il basilico e il prezzemolo.
Quando il ragù avrà raggiunto la giusta densità unite il cucchiaio di latte di soia e l'olio extravergine di oliva, mescolate bene e spegnete il fuoco. 
Nel fondo del tegame deve apparire una cremina bianca un po' brodosa.
Il ragù è pronto, prima di condire la pasta scaldatelo leggermente unendo qualche cucchiaio di acqua di cottura della stessa per renderlo più cremoso.
Utilizzatelo per condire qualsiasi tipo di pasta e spolverizzate il piatto con abbondante parmigiano vegan, è delizioso!!





25.1.16

Vegan lasagna di patate e funghi



Vi lascio la ricetta delle lasagne che ho preparato ieri a pranzo.
Buona serata!!!

INGREDIENTI:

Iniziate con il preparare i funghi trifolati e la besciamella. La besciamella dovrà essere abbastanza fluida e nei funghi, per questa lasagna, ho omesso la buccia di limone. Io avevo circa 800 g di funghi freschi a cui ho aggiunto 100 g di funghi porcini secchi, ma non li ho usati tutti per le lasagne, ne ho tenuto da parte circa la metà per altre preparazioni. L'acqua di ammollo dei funghi secchi l'ho aggiunta in cottura insieme ad un po' di brodo vegetale.
Lavate e spazzolate bene le patate (se usate patate bio non pelatele) e tagliatele a fette abbastanza sottili, più saranno sottili prima cuoceranno.
Ungete una pirofila con un po' di olio extravergine di oliva e cospargete un po' di pane grattugiato.


Disponete uno strato di fette di patate leggermente sovrapposte, salatele e versate un generoso strato di besciamella, distribuire i funghi trifolati, la mozzarisella a fettine sottili e il parmigiano veg. 
Ripetete i passaggi fino ad esaurimento degli ingredienti. Per ultimo irrorate la superficie un po' di olio.


Preriscaldate il forno a 200°C, coprite la pirofila con un foglio di alluminio e infornate per 50 minuti poi controllate la cottura delle patate infilzandole con un coltello, se penetra facilmente sono pronte, altrimenti proseguite la cottura per altri 10-15 minuti. Quando risulteranno cotte togliete il foglio di alluminio fate gratinare fino a quando si sarà formata una bella crosticina.
Fate raffreddare leggermente prima di servirlo.





6.1.16

VEGAN ZUPPA DI FAGIOLI



La zuppa di fagioli è un classico della gastronomia veneta. Piatto umile e antichissimo, protagonista per secoli nelle mense povere. Oggi lo propongono anche i migliori ristoranti.
Provate anche la pasta e fagioli alla veneta.
Buona giornata!!!


INGREDIENTI
  • 400 g di fagioli secchi di Lamon (quando è stagione si può preparare anche con 600 g di fagioli freschi)
  • 50 g di olio extravergine di oliva
  • 1 grossa cipolla
  • 1 gambo di sedano bianco
  • 1 carota
  • 2 patate farinose
  • 1 spicchio d'aglio tritato
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 2 foglie di alloro
  • prezzemolo tritato
  • sale e pepe
  • parmigiano veg se gradito
  • pane raffermo a fette

PREPARAZIONE

Mettete in ammollo i fagioli per 12 ore, sciacquateli e cuoceteli in acqua abbondante con e foglie di alloro.
Fate un soffritto con la cipolla tritata, il sedano tagliato a pezzetti e la carota tritata finemente.
Aggiungete anche le patate tagliate a pezzetti o grattugiate.
Passate la metà dei fagioli al setaccio e aggiungeteli assieme a quelli interi al soffritto debitamente salato.
Aggiungete acqua sufficiente a coprire appena il tutto e fate bollire lentamente per almeno mezz'ora, controllando la densità della zuppa aggiungendo al bisogno un filo d'acqua.
Unite l'aglio e il prezzemolo verso la fine della cottura.
Lasciate riposare la zuppa per almeno un'ora, o più, acquisterà maggior sapore.
Servite la zuppa ponendo nelle fondine dei crostini di pane fritto ad abbrustolito cosparso di parmigiano veg.
Completare la preparazione con un filo di olio extravergine di oliva e pepe a piacere.


5.1.16

SPAGHETTI DI PATATE AL FORNO


 

Gli spaghetti di patate al forno, un'idea per gustare le patate in modo alternativo che si presta a numerose varianti. Io ho aggiunto due cipolle tagliate a rondelle, ma va bene anche del radicchio rosso tagliato a striscioline, zucchine, peperoni ecc....
Buon pranzo!!


INGREDIENTI
  • 500 g di patate bio
  • 2 cipolle rosse
  • 1 spicchio d'aglio tritato
  • rosmarino e prezzemolo tritati
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe

Lavate e spazzolate bene le patate senza sbucciarle.
Formate gli "spaghetti" di patate con l'affetta verdure girevole.


La parte centrale della patata che rimane attaccata all'affettaverdura non va buttata, io la congelo e la uso per zuppe e minestroni.
Sciacquate gli spaghetti di patate sotto l'acqua corrente per eliminare l'amido, scolateli bene, adagiateli su un telo e asciugateli tamponando con un altro telo.


Affettate a rondelle le cipolle.
Preparate un'emulsione con l'olio, l'aglio, le erbe, sale e pepe.
Unite le patate e le cipolle in una pirofila, versate l'emulsione e condite il tutto con le mani.


Cospargete il tutto con un po' di pane grattugiato e infornate a 190°C per 25-30 minuti.


4.1.16

TORTA DI PATATE E PEPERONI



Un contorno di verdure che piacerà a tutti. Non vi do' la quantità esatta delle patate, mettete tante da riempire lo stampo. Oltre ai peperoni potete mettere anche delle fette di zucchine e di pomodori.
Buona giornata!!!


INGREDIENTI
  • Patate
  • peperoni
  • olio extravergine di oliva qb
  • 1 spicchio d'aglio tritato
  • prezzemolo, salvia e rosmarino tritati
  • 1 cucchiaino o 2 di salsa di senape
  • sale e pepe
Lavate e spazzolate benissimo le patate, tagliatele a fette non troppo sottili senza sbucciarle (usate patate bio).
Lavate i peperoni, togliete i semi e le coste, tagliateli a falde.
Create un'emulsione con l'olio, l'aglio, la senape e le erbe aromatiche, se l'olio vi sembra poco in rapporto alle patate e non volete aggiungerne dell'altro, allungate con un goccio d'acqua, poca però!!
Unite le patate e i peperoni in una terrina, versate l'emulsione e mescolate il tutto con le mani, facendo in modo che tutte le verdure ne risultino ricoperte.
Foderate il fondo di uno stampo apribile (della misura che preferite) con la carta forno e disponete le fette di patate in verticale, tutto attorno al bordo e al centro mettete le fette più piccole.
Inserite anche le fette di peperoni.
Infornate 200°C per 50 minuti.
Fate raffreddare 10 minuti, poi togliete il cerchio apribile dello stampo, se vi riesce sfilate delicatamente il foglio di carta forno da sotto la torta e portate in tavola.






3.1.16

GNOCCHI VEGAN E GLUTEN FREE DI POLENTA AVANZATA


  


Un'idea per riciclare la polenta avanzata. Nel mio caso i ritagli di polenta rimasti dopo aver preparato gli gnocchi di polenta alla romana.
Buona domenica!!


INGREDIENTI:
  • 450 g di polenta avanzata del giorno precedente
  • 200 g di mix di farine per celiaci
  • 2 cucchiai di parmigiano veg
  • 80 ml circa di acqua

PREPARAZIONE
Inserite nel mixer la polenta spezzettata e fate andare fino a ridurla in crema, 
Unite un po' alla volta il mix di farine, e l'acqua gradualmente, impastando il tutto fino ad ottenere un composto non troppo sodo e ne troppo morbido.
Le quantità di farina e acqua potrebbero variare.



Per regolarmi sulla consistenza io faccio sempre una prova cottura: porto ad ebollizione un po' d'acqua in un pentolino, ci tuffo dentro due palline di impasto grandi quanto gli gnocchi e porto a cottura, se non si disfano vanno bene così, altrimenti aggiungo ancora un po' di farina all'impasto.
Tagliate dei pezzi di impasto e formate dei cordoncini.
Tagliateli a pezzetti di 3-4 cm e passateli man mano sul rigagnocchi o sul retro di una grattugia.
Tuffateli un po' alla volta in una pentola di acqua bollente e scolateli delicatamente appena vengono a galla.
Io li ho conditi con del sugo di pomodoro piccante avanzato dalla preparazione degli gnocchi alla romana.




2.1.16

Vegan polpettone e polpettine di lenticchie



Esperimento di polpettone vegan, per fortuna super riuscito!!!
Buon 2016 a tutti!!!

INGREDIENTI
  • 350 g di lenticchie secche
  • 100 g di patate (1 media)
  • 2 spicchi d'aglio
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 2 cucchiai di parmigiano vegan
  • 2 cucchiai farina di ceci 
  • pane grattugiato qb
  • qualche cucchiaio del liquido di cottura delle lenticchie (al bisogno)
  • prezzemolo tritato
  • sale e pepe
  • 1/2 bicchiere di brodo vegetale


PREPARAZIONE
Sciacqua le lenticchie sotto l'acqua corrente. Poni le lenticchie in una pentola assieme a un litro d'acqua. Porta ad ebollizione, copri e cuoci a fuoco lento per 20 minuti circa o fino a quando saranno leggermente sfatte. Scolale e mettile in una terrina e schiacciale un po' con una forchetta, senza ridurle in crema però.
Cuoci anche le patate in abbondate acqua salata per 30 minuti. Passale allo schiacciapatate, unisci il concentrato di pomodoro e mescola facendo in modo che si amalgami bene. Unisci le lenticchie, il prezzemolo, l'aglio finemente tritato, il sale, il pepe e il parmigiano veg. Aggiungi la farina di ceci e il pane grattugiato un po' ala volta e valuta la consistenza. Se necessita ammorbidisci il tutto con il liquido di cottura delle lenticchie amalgamando bene il composto oppure se il composto risulta troppo umido aggiungi ancora un po' di farina di ceci.
Prendi 1/3 del composto, forma delle piccole polpettine della grandezza di una noce e rotolale nel pane grattugiato o nella farina di mais (io ti consiglio quest'ultima).
Con i rimanenti 2/3 del composto forma un polpettone, compattalo bene e lascialo riposare in frigo per 15 minuti.


Cottura polpettine e polpettone
Scalda un filo d'olio in una padella e rosola le polpettine a fuoco vivace girandole con una paletta fino a quando avranno preso un bel colore dorato. Scolale con una paletta forata, salale leggermente e servi.

Rotola il polpettone nella farina di ceci e compattalo bene.
Copri il fondo di una padella con l'olio extravergine di oliva, scaldalo e adagia il polpettone facendolo rosolare da un lato, dopo qualche minuto, quando si sarà formata la crosticina giralo amorevolmente di un po' con l'aiuto di 2 palette.


Questa operazione deve essere fatta nel modo più delicato possibile per evitare la rottura del polpettone.
Ripeti l'operazione fino a quando il polpettone risulterà sigillato da tutte le parti.



Ora puoi aggiungere sul fondo del tegame il brodo vegetale, copri parzialmente e fai cuocere per altri 15 minuti a fuoco basso.
Il polpettone è pronto; fallo raffreddare completamente, taglialo a fette e riscaldalo in padella o al forno.
Servilo con funghi trifolati o un morbido purè di patate.